ALCAMO (TP): SVALIGIAVANO ATTIVITA’ COMMERCIALI ARRESTATI DAI CARABINIERI TRE ALCAMESI

ALCAMO (TP): SVALIGIAVANO ATTIVITA’ COMMERCIALI ARRESTATI DAI CARABINIERI TRE ALCAMESI

I Carabinieri della Compagnia di Alcamo hanno dato esecuzione ad un’ordinanza
applicativa degli arresti domiciliari con controllo da remoto attraverso il braccialetto
elettronico, emessa dal GIP presso il Tribunale di Trapani, su richiesta della locale Procura
della Repubblica, nei confronti di tre uomini alcamesi (due di anni 39 ed uno di anni 25)
per cui si è ritenuto sussistano gravi indizi di colpevolezza per il reato di furto aggravato.
Il provvedimento scaturisce dalle indagini condotte dai Carabinieri, coordinati dalla Procura
della Repubblica di Trapani, avviate a seguito di alcuni furti in danno di esercizi
commerciali perpetrati nell’ultimo mese nella città di Alcamo.
Gli accertamenti condotti dai militari, a partire dagli immediati e dettagliati sopralluoghi sul
luogo del reato, hanno permesso di raccogliere gravi indizi di colpevolezza a carico degli
odierni indagati per tre distinti eventi delittuosi verificatisi alla fine di ottobre,
rispettivamente in danno di due negozi di generi alimentari ed il C.U.P. dell’A.S.P., tutti
caratterizzati dal medesimo modus operandi. Secondo la ricostruzione degli inquirenti, i tre
per portare a compimento le loro azioni delittuose avrebbero forzato a mano serrande o
finestre per fare accesso nei locali ed asportare il denaro contenuto nei registratori di
cassa o cassetti. Il bottino totale sarebbe di oltre 1.300 euro, oltre ai danni provocati agli
infissi quantificati in alcune migliaia di euro.
Al fine di eludere le investigazioni, gli arrestati avrebbero anche cercato di celare il proprio
volto coprendosi con degli indumenti, per evitare di essere riconosciuti nei filmati dei
sistemi di videosorveglianza. Tuttavia, l’attività di analisi condotta dai Carabinieri ha
consentito di risalire all’identità dei presunti malfattori, già noti per pregressi precedenti di
polizia.
Nel corso delle indagini, di concerto con la competente Procura della Repubblica, sono
state eseguite delle perquisizioni domiciliari nei confronti degli stessi soggetti, le quali
hanno consentito di rinvenire e sequestrare alcuni degli indumenti che sembrano essere
quelli indossati nel corso dell’azione delittuosa.
Gli arrestati sono stati ristretti agli arresti domiciliari a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.
Sono ancora in corso ulteriori accertamenti da parte dei militari dell’Arma, al fine di risalire
all’eventuale responsabilità dei soggetti circa ulteriori episodi del medesimo tenore.

Related posts